Manifestazione collettivo studentesco cavese

1

Oggi Venerdi 7 Ottobre il Collettivo Studentesco Cavese ha chiamato a raccolta tutti gli studenti della città per la manifestazione studentesca a Salerno per ribadire con forza il nostro diritto allo studio e al libero accesso ai beni comuni. Circa 600 studenti delle scuole di Cava sono arrivati a Salerno riempiendo 3 treni che hanno trasportato i ragazzi fino a Piazza Ferrovia dove c’è stato il concentramento per il corteo “AUTORGANIZZIAMO LA LOTTA” organizzato dal CSC. Fin dall’inizio il corteo si è rivelato, oltre che molto partecipato, anche molto determinato riguardo i contenuti che oggi portavamo in piazza. Nonostante la pioggia battente siamo riusciti a compattare il corteo e a portare avanti una manifestazione piena di slogan significativi e di interventi mirati a sottolineare i disagi che ogni giorno siamo costretti a subire per i tagli a istruzione, sanità, trasporti. I ragazzi sono sembrati, rispetto alle mobilitazioni passate, molto più consapevoli delle problematiche sociali che si stanno iniziando a far sentire in maniera più incisiva sulla nostra pelle. Durante la manifestazione hanno provato a provocare tensioni le forze dell’ordine presenti al corteo che hanno, in più occasioni, perquisito i ragazzi e generato la caccia all’uomo per semplici bengala che gli studenti avevano acceso per colorare il corteo. Evidentemente è già chiara la strategia della tensione messa in atto da questura e chi di dovere per far sì che l’autunno caldo non porti troppe voci “fuori dal coro” ad alzare la testa e a gridare con forza il proprio dissenso verso lo smantellamento dei beni comuni in atto nel nostro paese. NON CI FERMERANNO. L’UNICA ALTERNATIVA E’ LA LOTTA. IL 15 OTTOBRE TUTTI A ROMA! COLLETTIVO STUDENTESCO CAVESE

crazyhorse

One thought on “Manifestazione collettivo studentesco cavese

  1. Da anni in Europa si assiste alla crisi pilotata e selvaggia dei settori pubblici strategici : istruzione, poste e telecomunicazioni, trasporto (mare,ferrovia,aereo : FS, Tirrenia, regionalizzate marittime, Alitalia), fabbricazione stessa dei mezzi di trasporto (Fincantieri, Finmeccanica), sanità, etc. La Fincantieri (pubblica al 46%) vuole far credere che la chiusura dei cantieri di Palermo, Napoli e castellammare, Sestri Ponente e Ancona, sia dettata da crisi irreversibile, ma da dati aggiornati sul traffico merci e passeggeri del Mediterraneo risulta che Gioia Tauro sia il secondo porto dopo Barcellona, e allora la frottola non regge. I motivi della crisi sono altri : quello già citato e l’ennesimo regalo alle industrie che fabbricano automobili e gomme per automobili. Le merci che arrivano a Gioia Tauro, dovrebbero essere secondo logica, trasferite su navi più piccole e/o su rotaia
    per essere diffuse sul territorio, ma Fincantieri, Tirrenia e regionalizzate marittime (Caremar,
    Siremar, Saremar, etc) sono al collasso, e quindi o si lascia tutto ai privati o si trasporta
    su gomma (ma su gomma di furgoni privati). E rispunta il tallone FIAT sulla politica italiana nonostante la fuga verso gli USA e l abbandono di Confindustria. Dunque da anni
    Fincantieri non investe nel bacino di carenaggio, come da anni i lavoratori di cmmare chiedono, e oggi propone il progetto Plasmare : il golfo ridotto a discarica galleggiante.
    Quali sono le conseguenze della chiusura di tanti cantieri su operai e famiglie ? Niente salario gia da oggi per l’indotto (cig scaduta a settembre) e cig per gli interni. Ciò vuol dire che se fino ad ora il diritto allo studio era limitato per gli operai dei cantieri che entravano a 20 anni in fabbrica, da domani sara inesistente senza lo stipendio dei genitori.
    Devo ringraziare gli operai della Fincantieri di Cmmare per avermi informato periodicamente sulla loro situazione e sulle loro lotte, e sono proprio loro ad avermi chiesto di trasmettere le informazioni al piu ampio pubblico possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Streaming momentaneamente sospeso

Ven Ott 7 , 2011
Ci scusiamo con i radioascoltatori, ma lo streaming riprenderà il prima possibile, poichè un guasto tecnico dovuto al maltempo di queste ore non ci permette di trasmettere sulla rete. Riprenderemo entro le 24 ore le trasmissione. Il sito continuerà ad essere aggiornato. la RedAzione
LIVE OFFLINE
track image
Loading...