La Digos all’ex-scuola Canalone

Questa mattina gli occupanti dell’exscuolacanalonelibera hanno avuto un risveglio atipico.

Verso le 8,30 al cancello d’ingresso della struttura si sono presentati quattro agenti della Digos in borghese.Li ha incontrati un compagno che stava uscendo.

Dopo essersi qualificati gli agenti hanno affermato che cercavano un nostro attivista e che li aveva indirizzati all’exscuola la mamma dello stesso compagno indagato.Infatti prima erano stati a casa dei genitori, dove li ha ricevuti la mamma informandoli sul nuovo domicilio del figlio.

Gli agenti impegnati nell’operazione erano una decina. I quattro della Digos al cancello, altri per le strade intorno all’exscuola ed erano scortati da due gazzelle della polizia.

Vogliono perquisire la camera del compagno all’interno e diffidano a non fare qualsiasi resistenza poichè si sarebbero ripresentati in maniera meno gentile.

Intanto gli altri ragazzi si erano allertati ed hanno raggiunto il porticato incontrandosi ai poliziotti.

Gli attivisti collaborano e invitano i digosini a perquisire miratamente la stanza in questione, invece si preferisce chiedere amichevolmente all’indagato, di consegnare una sua felpa verde.

Mentre i poliziotti facevano una serie di domande l’indagato ha preso le sue due felpe e le ha mostrate.

Gli agenti hanno affermato che è stata la madre a confermare il possesso dell’indumento in questione e che il sospettato era indagato per un anonima scritta sul palazzo di giustizia della nostra città.

Sembra che le felpe non corrispondessero a quella incriminata, anche se gli agenti diventano nervosi e rinnovano con petulanza la richiesta della felpa latitante.

Il compagno si offre di accompagnarli in camera per far verificare agli stessi che non aveva altre felpe verdi anche fra gli indumenti della bancarella per il mercatino dell’usato.

Gli agenti non salgono in camera. Mentre più volte gli viene richiesto, anche con insistenza, di poter leggere  il mandato in loro possesso ricevendo risposte duramente negative.

Alla fine uno degli agenti ad alta voce, con tono fermo e rivolgendosi a muso duro agli attivisti dice che ritorneranno in maniera più brusca essendo stati offesi dall’assenza della felpa ricercata.

E vanno via.

Exscuolacanalonelibera

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Solidarietà ai lavoratori ex-Carrefour

Mer Dic 5 , 2012
PER IL LAVORO – CONTRO LA CRISI E LO SMANTELLAMENTO DELLO STATO SOCIALE. SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI DELL’ EX CARREFOUR L’Unione Sindacale di Base da sempre denuncia gli accordi farsa firmati dai confederali della CGIL – CISL – UIL e UGL, accordi che puntualmente ripropongono il fallimento della lotta di classe, […]
usb
LIVE OFFLINE
track image
Loading...