Usb: considerazione elettorali

usbIl partito della Merkel e dell’austerity ha perso nel paese più europeista d’Europa e questo probabilmente produrrà una diversa considerazione della Germania e della Francia nei confronti del nostro Paese (gli “sconti” in termini di rientro dal debito, ristrutturazioni ecc.  sono finiti con la sconfitta di Monti, di Napolitano e della loro ipotesi);

 

Il partito dell’egoismo e dell’antieuropeismo, il PDL, riguadagna larghi spazi facendo populisticamente leva sugli interessi materiali, peraltro assai diversi fra loro, della “gente”;

 

Il partito del rigore temperato, il PD, perde molto del terreno conquistato con le primarie riconfermando la sua larga estraneità alle esigenze di quello che era il proprio blocco sociale che si riduce ad una parte minoritaria e localizzata della società

 

La coalizione improbabile, Rivoluzione civile,  si manifesta per quello che è, cioè una coalizione senza collante sociale incapace di intercettare la forte avversione alle politiche dettate dall’Unione Europea e alle politiche di austerity e scrive definitivamente la parola fine sull’ipotesi che possa esistere una sinistra radicale senza relazione organizzata con il blocco sociale

 

Chi ha saputo con indubbia capacità catalizzare e raccogliere la rabbia e lo scontento, il M5S, ottiene una vittoria elettorale più larga del previsto che lo obbligherà ad esplicitare le proprie posizioni, e quindi anche il proprio interclassismo, e ad assumersi qualche responsabilità in più.

Resta il dubbio che l’assenza di uno strumento politico adeguato, di un sindacato conflittuale di massa, che rilancino chiaramente il proprio no all’Europa delle banche e dei capitali e riaffermino e restituiscano identità agli interessi di classe sia, a questo punto, un vero e proprio crimine politico.

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

100 sindacalisti arrestati in Turchia

Ven Mar 1 , 2013
La mattina di martedì 19 febbraio la polizia turca ha preso di mira i membri e dirigenti del sindacato del pubblico impiego Kesk, arrestando almeno 100 di essi, fra cui i membri del sindacato degli insegnanti. Nel complesso, sono stati emessi 167 mandati d’arresto per i sindacalisti. La polizia ha […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...