Collettivo giurisprudenza e la riforma forense

La riforma Forense prevede che “La permanenza dell’iscrizione all’Albo è subordinata all’esercizio della professione in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente…” (art 21)
In particolare la continuità di esercizio della professione forense si valuta sulla base del possesso di tali requisiti reddituali annui:
– € 10.300,00 di reddito professionale netto;
– € 15.300,00 di volume d’affari;
Si introducono criteri minimi reddituali per continuare a svolgere la professione: Il tentativo di ridurre il numero degli avvocati si traduce in una selezione sferrata, a discapito di coloro che non raggiungono le soglie reddituali predeterminate.

In questo scenario, quale spazio è lasciato a noi giovani?
Ne discuteremo mercoledì 19 dicembre, ore 15.00, aula 32, Sede di Porta di Massa, facoltà di giurisprudenza Federico II.

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Alba Dorata picchia parlamentare di Syriza impunemente

Lun Dic 17 , 2012
Members of extreme right-wing Golden Dawn attacked and beat Dimitris Stratoulis, MP of left-wing SYRIZA outside OAKA football stadium Sunday evening in Athens. According to Stratoulis, he was approached by three men who told him they were members of Chrysi Avgi (Golden Dawn). “They told me they were memebrs of […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...