Salviamo l’equo e solidale a Cava de’ Tirreni

L’impoverimento della nostra società sempre più precaria ha colpito anche il commercio equo solidale nonostante siano tanti i cittadini di Cava de’ Tirreni che in questi anni hanno appoggiato una scelta di consumAttori contro modelli di consumo basati su filiere fondate sullo sfruttamento delle persone e dell’ ambiente.
Per far fronte alla crisi di liquidità in cui la bottega si trova, per fare in modo che sia realistico pensare a un futuro del com

mercio equo-solidale a Cava de’ Tirreni, abbiamo bisogno del sostegno di tutti/e, perché il poco di ognuno può fare il tanto che serve per far sopravvivere un’esperienza come quella del commercio equo a Cava.
Per questo vi chiediamo di partecipare con una donazione alla campagna di sottoscrizione che lanciamo e di diffondere questo appello per tenere in vita un’esperienza e un luogo che vogliamo possiate continuare a sentire vostro e che possa portare ancora avanti con determinazione i propri ideali per la costruzione di un’ economia più giusta e la promozione di un processo produttivo nel rispetto della dignità umana e dell’ ambiente.
Un altro mondo è possibile e continueremo a lottare per realizzarlo!

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La Fornero fugge

Gio Nov 22 , 2012
ISFOL: MARI (USB) IL MINISTRO FORNERO FUGGE SOPRATTUTTO DALLE PROPRIE RESPONSABILITÀ     “La vicenda dei precari dell’ISFOL, Ente Pubblico di Ricerca vigilato dal Ministero del Lavoro, utilizzati per anni con contratto Co.co.co. pur essendo, di fatto, lavoratori subordinati a tutti gli effetti, come peraltro sancito dagli ispettori del Lavoro, […]
usb
LIVE OFFLINE
track image
Loading...