Forum della Cooperazione Internazionale o Marketing Territoriale

Con sponsor quali ENI , Microsoft e Banca Intesa la Cooperazione Internazionale Italiana
rischia di cambiare natura.

L’1 e 2 ottobre su iniziativa del Ministero per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione, si
svolgerà a Milano il Forum della Cooperazione Internazionale con l’obiettivo dichiarato “….di
far incontrare tutti gli individui e gruppi che vogliono e pensano che la cooperazione
internazionale sia una parte dell’identità del nostro Paese e che debba essere elemento centrale
del rilancio del profilo internazionale dell’Italia.”

Se è sicuramente importante e auspicabile che l’Italia abbandoni la coda della classifica
mondiale per la quota di pil dedicata alla cooperazione allo sviluppo, e che il Governo Italiano si
impegni per mobilitare le risorse della società civile e delle imprese private per attività di
cooperazione e solidarietà internazionale, consideriamo una scelta infelice, paradossale ed
eticamente discutibile avere individuato quali sponsor per il Forum della Cooperazione Imprese
quali ENI, Microsoft, Banca Intesa.

Queste imprese sono sicuramente soggetti economici con ampie capacità finanziarie, ma non
ci pare possano rappresentare le idee i principi a cui impostare il rilancio della cooperazione
internazionale, per cui la promozione dello sviluppo economico si deve accompagnare alla
promozione dei diritti umani e del lavoro, alla tutela della salute e al rispetto dell’ambiente.
In particolare ENI, scelto come main sponsor del Forum, è responsabile di una politica di
investimento nel Golfo del Niger (e non solo) con effetti disastrosi sulla salute della popolazione e
il degrado ambientale, senza peraltro contropartite reali in termini di sviluppo dell’occupazione e di
strutture sociali.
Il petrolio che fuoriesce dagli oleodotti ha contaminato la terra, le falde acquifere e i fiumi, a
causa del fenomeno del cosiddetto gas flaring “.. gli abitanti sono costretti a vivere con una polvere
nera che si deposita sulle case, sui vestiti e sugli alimenti e in molti lamentano problemi di salute,
per effetto degli agenti nocivi e cancerogeni sprigionati da tali torce.” (fonte Amnesty
International)

L’impressionante analogia con quanto ha determinato l’Ilva nel golfo di Taranto ci ricorda
che la scelta di alimentare lo sviluppo a spese della salute, dell’ambiente e dei diritti umani è una
scelta tragica che va respinta e combattuta ovunque, non solo a casa nostra.

Se il finanziamento della Cooperazione Internazionale si affida principalmente agli
investimenti delle imprese, senza garanzie reali che nelle attività e progetti realizzati in questo
ambito, i diritti umani, il miglioramento delle condizioni di vita, la salute, il lavoro, l’ambiente
siano prioritari rispetto alle esigenze di profitto degli investitori privati, allora la cooperazione

internazionale rischia di cambiare natura, diventa un’altra cosa, molto più simile ad un’agenzia di
servizio per il commercio estero, o di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese. Meglio
allora un dipartimento al Ministero dello Sviluppo Economico.

La FIOM ha si è tradizionalmente impegnata, e intendiamo continuare a farlo, per
coinvolgere iscritti e lavoratori nel sostenere progetti e iniziative di cooperazione e solidarietà
internazionale. Spesso abbiamo anche incontrato la disponibilità delle imprese a cofinanziare le
azioni e i progetti proposti dai lavoratori o dal sindacato. Non osteggiamo l’idea di attivare sinergie
tra pubblico e privato per potenziare l’attività di cooperazione e solidarietà internazionale, vogliamo
però difendere l’idea della cooperazione internazionale come attività senza scopo di lucro e
soprattutto che va pensata progettata e realizzata con la partecipazione attiva e nell’interesse
principale dei soggetti destinatari degli interventi di cooperazione.

Auspichiamo che dal Forum di Milano esca rafforzata questa idea di Cooperazione Internazionale e
la sua natura di attività No profit, di grande laboratorio di solidarietà sociale su scala globale.

Fiom – Ufficio Internazionale

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

La cooperazione non vende fumo. Semmai petrolio

Mer Ott 3 , 2012
Di seguito, un’analisi dopo la conclusione del Forum voluto dal ministro Andrea Riccardi. Altri articoli sul Forum (a cominciare dal pezzo che per primo ha denunciato gli sponsor imbarazzanti come Eni), sul testo di legge discusso in parlamento e sul futuro della cooperazione, sono nel Dossier Cooperazione internazionale. Si spengono […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...