Corteo antifascista a Cuneo


Intervista a un compagno e una compagna di Cuneo che ci presentano il
corteo antifascista del 21 gennaio 2012 contestualizzandolo con gli
ultimi fatti di cronaca e manovre repressive.

ascolta l’intervista:

http://www.radiocane.info/cronache-dal-fronte/1185-sul-corteo-antifa-di-sabato-21-a-cuneo.html

Corteo antifascista a Cuneo
Sabato 21 Gennaio
concentramento ore 16
giardini davanti Stazione FS

Il 26 febbraio 2011 Casapound Cuneo annuncia l’apertura di una sede
nella città medaglia d’oro per la resistenza.
Un folto gruppo di persone, tra cittadini, militanti antifascisti,
istituzioni, associazioni, organizzano un ritrovo in piazza per impedire
l’inaugurazione.
Dopo svariati interventi, una parte dei manifestanti si muove in corteo
spontaneo per raggiungere la sede dei fascisti del terzo millennio e si
scontra duramente con loro e con le forze dell’ordine che si
interpongono.
Il 27 maggio 2011 vengono eseguite 20 perquisizioni e denunce, due
arresti e domiciliari e firme per altri imputati. Due i latitanti, tra i
quali Guido Mantelli, anarchico cuneese e alpigiano ribelle.
“I reati contestati in concorso vanno dalla resistenza alle lesioni a
pubblico ufficiale nell’esercizio delle proprie funzioni, lesioni,
danneggiamento di alcune autovetture, nonché il danneggiamento di
un’autovettura di servizio della guardia di Finanza che si trovava in
contrada Mondovi angolo via Alba, imbrattamento e utilizzo di petardi e
bombe carta al fine di suscitare pubblico disordine ed incutere timore
tra la gente. Viene anche contestata la violenza privata per impedire
agli appartenenti al movimento di Casapound di inaugurare la sede di via
Alba, con le aggravanti di aver agito travisati da caschi, sciarpe ed
altri indumenti.”
Il 26 febbraio 2011 c’è stata l’udienza preliminare con il rinvio a
giudizio.
Il 25 gennaio 2012 ci sarà il  processo di primo grado presso il
Tribunale di Cuneo in Piazza Duccio Galimberti (antifascista e
partigiano).

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il Governo Monti fa marcia indietro: la ripubblicizzazione dell'acqua è possibile

Ven Gen 20 , 2012
La mobilitazione paga: il popolo dell’acqua ha costretto il Governo a ritirare il provvedimento che vietava la gestione del servizio idrico attraverso enti di diritto pubblico, quali le aziende speciali. È una vittoria dei cittadini e dei comitati che in tutto il paese hanno fatto sentire forte la loro voce […]
Acqua pubblica
LIVE OFFLINE
track image
Loading...