Tutt* in valle

2

Da cinque settimane resiste e persiste il presidio permanente del territorio della Maddalena a Chiomonte.
In seguito ai proclami del ministro Maroni e alle provocazioni dei vertici piemontesi del PD abbiamo validi motivi per pensare che dall’inizio della prossima settimana possa verificarsi il tentativo di sgombero del presidio finalizzato all’installazione del cantiere.

A questo proposito rinnoviamo l’invito a venirci a trovare, non soltanto per aiutarci a difendere la terra e il futuro di tutti dai blitz invocati a gran voce da maggioranza e minoranza in parlamento e a Torino, ma anche per condividere con noi tutto il resto.
Fino ad oggi, tra un allarme e l’altro, abbiamo continuato con ciò che abbiamo sempre fatto: confrontarci con chi ci viene a trovare, organizzare conferenze, concerti, assemblee, spettacoli teatrali, visite guidate a siti archeologici nei luoghi interessati dal progetto TAV…
Così come non rinunciamo alle nostre cene condivise e alla convivialità.
La val di Susa è incorreggibile, a volte perfino incosciente: ma forse anche per questo la resistenza notav è vista come una sorta di bene comune da difendere, una ricchezza anche per molti che non vivono in valle.
Beh, venite a trovarci e vedrete con i vostri occhi.

Se vi fermate a dormire non dimenticate tenda e sacco a pelo…

per la cucina ci pensa la Val di Susa!

L’ASSEMBLEA DELLA LIBERA REPUBBLICA DELLA MADDALENA NO TAV

crazyhorse

2 thoughts on “Tutt* in valle

  1. Pingback: fake watches

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Cronistoria di una nottata di lotta

Lun Giu 27 , 2011
4.50 Le forze dell’ordine sono asserragliate dentro alla galleria, altri mezzi (idranti?) stanno salendo da Susa 5.00 Mezzi avvistati in uscita anche dalla galleria del Cels La CUB ha annunciato lo sciopero provinciale del settore privato da oggi fino a fine occupazione della Valsusa 5.25 da twitter: primo contatto alla barricata […]