Ricorso al Ministero dei Beni Culturali e il Capo dello Stato

1

L’avvocato Gianluca Santelli, che rappresenta il Malc (Manifattura alla Citta) e Italia Nostra, ha ieri spedito al Ministero dei Beni Culturali, allegando il contributo unificato richiesto di 600,00 euro, il ricorso Straordinario al Capo dello Stato sulla vicenda Manifattura. Il Ministero dei Beni culturali è stato scelto dai ricorrenti come Ministero competente per l’istruttoria che ora ha inizio. Per chi non fosse informato della vicenda ricordo che il Malc, che è un comitato civico e Italia Nostra, hanno impugnato tutti i provvedimenti amministrativi che hanno portato alla transazione tra il Comune e Manifatture Sigaro Toscano relativamente alla restituzione dell’immobile storico dell’ex Manifattura Tabacchi di viale Crispi. Abbiamo impugnato la transazione perchè la riteniamo lesiva degli interessi pubblici per vari motivi, i più evidenti sono due: il primo è la promessa di consegna a MST della palazzina Enel del valore di un milione e mezzo di euro (di proprietà del Comune), il secondo è la condizione cui si impegna il Comune a rilasciare una concessione edilizia per la costruzione di un mostro di 100 appartamenti più tremila metri quadri di negozi nel cuore del centro storico. Vogliamo qui ringraziare tutti quelli che hanno, con il loro contributo economico, consentito la presentazione del ricorso.

crazyhorse

One thought on “Ricorso al Ministero dei Beni Culturali e il Capo dello Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Solidarietà da Askapena per i no tav

Gio Mar 1 , 2012
NÈ TAV NÈ REPRESSIONE. RISPETTATE LA VOLONTÀ POPOLARE Davanti alle gravissime conseguenze dell’operazione poliziesca di Lunedì scorso alla Maddalena di Chiomonte in Val Susa, e alla repressione che negli ultimi mesi si è inasprita massicciamente nei confronti del movimento popolare che si oppone al treno ad alta velocità in Val […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...