Ricordando l’operazione Piombo Fuso

3

Il 27 dicembre del 2008 Israele iniziò un massacro contro , con l’attacco denominato “Piombo Fuso”: in tre settimane di bombardamenti di cielo, mare e terra, furono assassinate 1400 persone, tra cui 430 bambini, e 5360 restarono ferite. L’attacco distrusse 6 strutture ospedaliere, 3 scuole, tutti i campi, le serre gli alberi, e le industrie. Non furono risparmiate né ambulanze né luoghi di culto, così come non ci fu alcun riguardo per le abitazioni civili: 5000 famiglie rimasero senza tetto, 90 mila persone fuggirono di casa. La Striscia di fu ricoperta da 1 milione di kg di bombe, lanciate dall’esercito israeliano che usò anche armi di distruzione di massa con uranio impoverito, e fosforo bianco. Per non avere testimoni ai suoi crimini Israele vietò l’ingresso nella Striscia ai giornalisti internazionali e solo poche voci riuscirono a far sapere al mondo del massacro in corso. Tra queste Vittorio , assassinato lo scorso aprile, che ci ha lasciato il suo blog di informazione, http://guerrillaradio.iobloggo.com/, riattivato da pochi giorni, e il libro su piombo fuso dal titolo: Restiamo Umani.

crazyhorse

3 thoughts on “Ricordando l’operazione Piombo Fuso

  1. Pingback: nova78 organic
  2. Pingback: cc store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

INPDAP: blocco delle attività

Mar Dic 27 , 2011
Domani, mercoledì 28 dicembre, l’Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego organizza l’assemblea nazionale dei dipendenti Inpdap che si terrà a Roma, presso la Direzione Centrale di via Ballarin 42. Contemporaneamente verrà attuato il blocco di tutte le attività nelle sedi territoriali dell’Istituto.   Dopo l’occupazione della Presidenza Inpdap, il presidio […]
usb
WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE