Raccolta per i lavoratori migranti della Piana del Sele

4

usbnella Piana del Sele vivono alcune migliaia di migranti che lavorano, soprattutto, nell’agricoltura e nell’edilizia, svolgendo mansioni fondamentali per l’economia. Le abitazioni a cui hanno accesso, casolari di campagna,  sono esposte alle ostilità climatiche. In queste settimane di freddo intenso, la situazione è diventata ancora più difficile per molti di loro.
Dopo alcuni incontri con diversi gruppi di immigrati, si è verificata la necessità di organizzare un aiuto immediato e concreto, avviando la raccolta di alcuni materiali, tra cui, soprattutto:
– stufe, elettriche ed a gas
– coperte
– vestiti
– pigiami
– generi alimentari.
Di questa iniziativa si sta occupando l’organizzazione sindacale USB, che, da tempo,  collabora con gli immigrati presenti nella Piana del Sele per favorirne processi di organizzazione e di affermazione dei diritti. L’USB si è incaricata di procedere alla raccolta e distribuzione. Per questo motivo è sufficiente contattare Gennaro Avallone, che si renderà disponibile per la raccolta, al 320.4799769 o gavallone@unisa.it e Nicolò Quagliata al n.329.5659753.
La segreteria della Federazione Provinciale USB di Salerno è aperta tutte le mattine dalle ore 10 alle ore 12: via Giuseppe Centola, 6 –Salerno  tel./fax: 089.712543 – salerno@usb.it

Tutte le persone, associazioni, cooperative sociali, gruppi religiosi, organismi politici e sindacali che volessero contribuire sono benvenute. In queste situazioni, d’altronde, si conferma che solo la società organizzata e la sensibilità individuale riescono a rispondere ai bisogni che si presentano nella loro urgenza, supplendo alle mancanze delle istituzioni pubbliche.

crazyhorse

4 thoughts on “Raccolta per i lavoratori migranti della Piana del Sele

  1. Pingback: betflix
  2. Pingback: relx

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Manifesto razzista: lega condannate

Ven Feb 10 , 2012
Il tribunale di Brescia ha condannato la Lega Nord di Adro per il manifesto affisso nella propria sede contro la volontaria dello Spi Cgil Romana Gandossi. La sezione di Adro della Lega Nord dovrà pagare a ciascun ricorrente (Romana Gandossi, Associazione studi giuridici sull’immigrazione e Fondazione Piccini) 2.500 euro per […]

You May Like

LIVE OFFLINE
track image
Loading...