La Valle Resiste: Soidarietà del CSC

Sono Vent’ anni ormai che si sente parlare del Tav:
Il Tav (Treno ad Alta Velocità) è una linea ferroviaria che dovrebbe collegare Torino a Lione, in Francia. Questo dovrebbe favorire i commerci e diminuire il trasporto di merci su gomma, andando ad alleggerire il traffico stradale. Ci sono molti motivi per dire No al Tav ma ne riportiamo solo 4:
1) L’ inutilità economica dell’ opera perchè il traffico merci al traforo del Frejus è diminuito
2) Spreco di denaro pubblico, fino ai 30 miliardi
3) Grandi danni ad impatto ambientale
4) L’ inutilità politica dell’ opera perchè esistono già sufficienti reti di trasporto
Ebbene nelle ultime settimane il livello dello scontro in Val Susa sembra si sia alzato:
La repressione attuata dal governo sa tanto di violenza di regime. Il cantiere è ormai una base militarizzata dove le forze dell’ ordine effettuano tecniche squadriste, e che dire dei Valsusini che sono costretti a rimanere nelle loro case. Per dirne una, negli ultimi giorni si è sentito parlare di Luca Abbà arrampicatosi su un traliccio e seguito dagli agenti e fatto salire fino al punto di prendere la scossa.
Le violenze però non sono solo fisiche ma anche mediatiche: Basti pensare ai Talk-Show domenicali o alle dichiarazioni di Ferrara, che assoggettano alla lotta No Tav aggettivi quali “Vandali, comunisti, teppisti”. Invitiamo tutti ad analizzare meglio cosa sta succedendo in Val Susa e perchè c’è tanta rabbia.
La lotta No tav ci fa capire che il popolo Italiano non deve essere negligente, deve rendersi conto che in questo paese si specula nonostante al governo ci siano tecnici, professori e banchieri e che si preferisce investire su opere inutile che su Scuola, Lavoro e Sanità fondamentali per la crescita del nostro paese.
No al Treno ad Alta Velocità, No alla Speculazione. Val Susa Resisti.

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

presidio al Cardarelli

Mer Mar 7 , 2012
Comunicato  Oggi  7 Marzo 2012 il Movimento in Lotta per la Salute Pubblica insieme ai compagni/e del Coordinamento Regionale di Opposizione Sociale, attivisti della questione ambientale,collettivi studenteschi e pazienti  e operatori/trici della salute incazzati, si sono riuniti in presidio sotto le scale dell’ingresso principale dell’ “AORN Cardarelli” per denunciare la […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...