Roma una città recuperata con la lotta

Oggi nella Capitale un’ondata di occupazioni di edifici e stabili sfitti da parte di centinaia di faniglie senza casa. Una risposta all’emergenza abitativa e il recupero collettivo di una metropoli contro interessi privati e speculativi.

Stamattina a Roma centinaia di famiglie senza casa hanno proceduto all’occupazione di edifici e palazzi tenuti sfitti a fini speculativi. Le occupazioni sono avvenute a viale delle Province, al Prenestino, ad Anagnina, a Ponte di Nona. Un blitz con occupazione temporanea invece è avvenutod a parte degli studenti in via Induno, a Trastevere.

Il comunicato ufficiale

Ogni giorno a Roma centinaia di persone aspettano, cariche di ansia e di rabbia, la visita di un ufficiale giudiziario chiamato ad eseguire l’ennesimo sfratto o pignoramento.

Nello stesso momento decine di migliaia di inquilini degli enti pubblici o privatizzati sentono che il mondo, all’improvviso, sta per crollargli addosso perché la casa in cui vivono viene venduta a prezzi di mercato e non possono comprarla, oppure perché il prezzo della loro “pigione” da un momento all’altro viene raddoppiato o triplicato.

Altre centinaia di migliaia di persone sono costrette, fra mille acrobazie, ad andare avanti sopravvivendo in situazioni di coabitazione forzata, o in situazioni di vera e propria emergenza: in case che non sono case o nelle baraccopoli del 2000 che sorgono un po’ ovunque, nelle pieghe o ai margini dei nostri quartieri.

Sono i figli, di tutte le età e di tanti paesi diversi, delle politiche di austerità, dell’aumento dei prezzi e delle tariffe, dei tagli e dei licenziamenti, della vendita del patrimonio pubblico e delle speculazioni: della precarietà che ruba, in un colpo solo, presente e futuro di generazioni diverse.

Figli di una crisi che non è loro, che non hanno generato, ma che stanno integralmente pagando.

Una crisi che non stanno certamente pagando gli strapagati manager della finanza o delle banche che continuano come vampiri a succhiare il nostro sangue. Ne i “sempreverdi” signori del mattone che hanno devastato e continuano a saccheggiare la nostra città per costruire ovunque centri commerciali e case dai prezzi irraggiungibili che nessuno riesce più a comprare. Come del resto non la sta pagando una classe politica corrotta e del tutto subalterna a questi interessi che ora cerca di cambiare look per non cambiare niente.

Oggi però, non è un giorno qualunque, perché chi fino adesso ha pagato tutto ha deciso di voltare pagina, di non essere più spettatore e di cambiare. Cambiare veramente, insieme ad altri partendo da se, dalla condizione di chi non ce la fa veramente più ad arrivare alla fine del mese.

Oggi abbiamo dato vita a manifestazioni ed iniziative diffuse nella città. Soprattutto abbiamo occupato contemporaneamente 10 palazzi e strutture. Più di 1000 nuclei familiari, circa 3000 persone fra single e famiglie, hanno non solo un tetto sulla testa ma case vere, sottratte alla rendita, in cui abitare, da difendere.

Se tutto questo non sarà sufficiente a far cambiare idea e programmi alla “trasversale cupola” che governa la città ed il paese CONSIDERATE CHE SIAMO SOLO ALL’INIZIO!

Movimenti per il Diritto all’Abitare

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

I Facchini hanno vinto

Ven Dic 7 , 2012
Vittoria!!! La lotta paga!! Dopo 2 freddissimi giorni di presidio, dalla sera del 4 dicembre, con blocco davanti ai cancelli dei magazzini per impedire l’entrata/uscita di qualsiasi mezzo di trasporto, con sciopero a oltranza di tutti i lavoratori della cooperativa, decine di tir e camions fermi a Calderara di Reno, […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...