Giornalisti turchi imprigionati

Centinaia di giornalisti sono stati arrestati, licenziati e perseguitati in seguito al tentato golpe in Turchia. Al fallito colpo di stato è seguito uno stato di emergenza con misure eccessive e indiscriminate volte a fare una pulizia di tutti gli individui ritenuti essere coinvolti con l’attentato.

Le autorità turche stanno imprigionando dei giornalisti, chiudendo le radio e i canali televisivi e censurando internet nel tentativo di azzittire le critiche.

90 giornalisti si trovano in prigione e sono stati vietati più di 130 media dalla metà di luglio. 2.500 giornalisti hanno perso il loro posto di lavoro e sono stati emessi mandati di arresto per decine di lavoratori dei media.

Alcuni parenti dei giornalisti, che si stanno nascondendo o che sono fuggiti, sono stati arrestati per obbligarli a consegnarsi.

Per favore  firmate la campagna della federazione Internazionale dei Giornalisti su Labour Start:

https://www.labourstartcampaigns.net/show_campaign.cgi?c=3213

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Lettura ambientalista della contro riforma costituzionale

Sab Ott 22 , 2016
  Riproponiamo un articolo per una lettura ambientalista della controriforma costituzionale Con la riforma del Titolo V via libera allo sfruttamento selvaggio dei territori Partiamo da un presupposto: il consolidamento della post-democrazia di cui parlava Crouch ha bisogno di riforme costituzionali come quella che saremo chiamati a votare (o meglio […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...