Header

Bellavita: “Democrazia e conflitto vanno insieme

Bellavita: “Democrazia e conflitto vanno insieme. No alla svolta di
Landini Airaudo”

Colpisce la durezza con cui Landini e Airaudo stanno lavorando alla
cacciata
della sinistra Fiom dalla segreteria nazionale.
Colpisce perché mai era stato messo in discussione in Fiom il diritto al
dissenso, la possibilità cioè che su alcune questioni si potessero
registrare
opinioni differenti anche all’interno della segreteria. E’ sufficiente
leggere
dal sito Fiom i materiali dei comitati centrali degli ultimi dieci anni per
averne testimonianza indiscutibile. Mai nessun segretario generale era
arrivato
al punto di convocare il comitato centrale a porte chiuse, peraltro con un
ordine del giorno inquietante: “rapporto politico sull’organizzazione”, per
porre in discussione l’opportunità della mia presenza in segreteria.
Mai si era arrivati al tentativo, peraltro infruttuoso, di azzerare la
segreteria con le dimissioni di due segretari su 4 pur di cacciare il
dissenso.
Perché?
La questione è squisitamente politica, nonostante i goffi tentativi di
qualcuno di metterla sul piano personale.
C’è la svolta della Fiom, radicale, netta.
Con la proposta Landini Airaudo di un patto alle imprese non solo c’è la
cancellazione sostanziale della piattaforma per il rinnovo del contratto
nazionale, senza nessun passaggio democratico tra i lavoratori che l’hanno
approvata, ma si chiude un’intera stagione di contrasto alle scelte di
padronato e governo. E’ del tutto evidente che qualora le imprese dovessero
avanzare la disponibilità ad affrontare il terreno proposto da Landini-
Airaudo
la discussione precipiterebbe sul riconoscimento integrale del Ccnl
separato
del 2009, dell’accordo del 28 giugno sulle deroghe. E non vi sarebbe
possibilità alcuna di mobilitare i lavoratori, perché la strada del patto
non
prevede il ricorso al conflitto ovviamente. Un’operazione che disarma quindi
la
categoria, ne mina le capacità conflittuali, illude delegati e quadri di
una
possibile composizione mediata che in realtà può avvenire solo con una
nostra
resa. La proposta di un patto alle imprese da parte della Fiom cancella
inoltre
ogni contrasto all’avvio di un tavolo di confronto confederale sulla
cosiddetta
produttività che ha come unico obbiettivo affermare una volta di più il
modello
Marchionne sugli orari di lavoro. Era accaduto così anche sul mercato del
lavoro, quando molta sinistra politica e sociale vaneggiava improbabili
conquiste su reddito di cittadinanza, lotta alla precarietà ecc.
Sogni e speranze illusorie che si sono infrante sull’unico vero obbiettivo
che la Fornero aveva chiarito sin da subito: cancellare l’art.18. Nessuno
(tranne qualche compagno del Comitato Centrale) ebbe il coraggio di
chiedere
che quel tavolo non si aprisse senza un mandato dei lavoratori. L’ovvia
conclusione è stata che abbiamo perso l’art.18. Una Fiom che tenta
l’operazione
del patto è ovviamente una Fiom che deve dismettere qualsivoglia
opposizione
sociale, politica nei confronti del governo, del padronato e che deve
dismettere anche l’opposizione in Cgil. Non si può chiedere il patto alle
imprese e confliggere con esse. Semplicemente perché i padroni ti direbbero:
o
uno o l’altro!
Per queste ragioni il dissenso è considerato incompatibile nella
discussione,
ad ogni livello. Sbaglia chi pensa che il problema sia solo nella
segreteria
nazionale per la responsabilità che porta. Il segnale che viene da Landini
Airaudo, con buona pace di tante battaglie per la democrazia interna alla
Cgil
e nel paese, è la dichiarazione di incompatibilità del dissenso
nell’organizzazione. E così i gruppi dirigenti la interpreteranno a ogni
livello della Fiom. Il resto delle accuse che mi viene rivolto è  talmente
assurda che rispondere sarebbe riconoscerne la legittimità. Accuse che mi
rappresentano dietro a ogni contestazione, incidente e ogni altra
bestialità
contro Landini.
In questa torsione autoritaria si cancella ogni percorso di costruzione
collegiale e plurale delle scelte, si costruiscono sempre più gruppi
dirigenti
sulla lealtà acritica. Non è un caso che una linea conflittuale marci
sempre
insieme ad una pratica democratica. Quando viene a mancare il conflitto,
viene
meno anche la democrazia interna prima e nel rapporto con i lavoratori
dopo.
Come giudicare il fatto che la proposta del Patto alle imprese è arrivata
ai
mass-media in conferenza stampa prima di essere approvata dal Comitato
Centrale?
O che venga discusso e approvato, fatto mai accaduto , un ordine del
giorno
sull’unità della Fiom per poi due minuti dopo tentare l’azzeramento della
segreteria?
Dispiace che ci sia una divisione così profonda? Dire si è un’ovvietà. Più
che un dispiacere è un dolore profondo per le conseguenze sui lavoratori e
le
lavoratrici, sul sindacalismo conflittuale in Italia. Ed è proprio per
questa
ragione che rivendico la continuità delle scelte congressuali, del diritto
al
dissenso, della democrazia, del valore del conflitto sociale. A coloro,
pochi
in realtà, che rimproverano il mio presunto carrierismo dico sommessamente
che
alla silenziosa difesa del posto ho scelto la rumorosa difesa delle ragioni
che
penso essere dei lavoratori, in coerenza con gli ultimi dieci anni della
Fiom.

www.rete28aprile.it

Potrebbero interessarti ...

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1