Antirazzisti contro De Magistris

1

Comunicato Stampa


Si è concluso il primo presidio degli ambulanti sgomberati da via Bologna (81 lavoratori) e del forum antirazzista contro l’assurda iniziativa di due giorni fà. Al presidio hanno partecipato anche molti bambini figli dei lavoratori e delle lavoratrici di via Bologna (vedi gli interventi nel video allegato). 
Bambini nati a Napoli e che rivendicano il loro diritto di cittadinanza.
I cartelli preparati dai migranti riportavano: “Il comune a scuola dalla Lega Nord”, “Anche noi siamo umani”, “I nostri diritti ancora calpestati”, “forti coi deboli e deboli coi forti”…
Un altro striscione degli antirazzisti diceva: “Sementa é razzista: Sindaco De Magistris l’omertà non è una virtù!”

I migranti non sono stati ricevuti dal Sindaco, come sarebbe stato giusto per questi lavoratori che da oltre dieci anni vivono e lavorano (e pagano le tasse) in quel che è l’unico mercato multietnico con una qualche forma di riconoscimento nella città di Napoli. E che pure sono stati cacciati come dei ladri!
Sono stati ricevuti dai tre assessorati alle politiche sociali, al commercio e alla sicurezza, che hanno annunciato di ricercare in 48 ore una soluzione tecnico-amministrativa che permetta la definizione di via Bologna come area di mercato transitorio fino al bando comunale che dovrebbe finalmente riconoscere i diritti storici di chi vi lavora (e paga l’occupazione di suolo) da oltre dieci anni. Ci chiediamo perchè non si poteva fare prima!?
A breve potremo tutti verificare se ci sarà una soluzione, ma la scena di questi giorni resta un azione assurda e gratuita su cui il Sindaco De Magistris dovrebbe finalmente dire qualcosa di chiaro!

Forum antirazzista campano

crazyhorse

One thought on “Antirazzisti contro De Magistris

  1. Pingback: prevent screenshot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Operatori sociali in lotta e i Bros… non mangiano i bambini

Ven Mar 30 , 2012
Si conclude oggi la settimana di mobilitazione che ha visto gli operatori sociali in presidio permanente sotto palazzo S. Giacomo, sede del Comune di Napoli. Gli operatori hanno manifestato contro la precarietà, contro i tagli alla spesa sociale, la chiusura di alcuni servizi, per rivendicare il pagamento da parte dell’Ente […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...