A pomigliano monta la rabbia operaia

Stamattina dopo una partecipata assemblea, gli operai della Fiat di Pomigliano
D’Arco di Fiom, della Confederazione Cobas e lo Slai Cobas hanno bloccato il
quadrivio nei pressi della villa comunale a Pomigliano.
Le menzogne di Marchionne, svelate da alcune organizzazioni sindacali sin dal
suo insediamento e l’arroganza di cui è stato capace, con i reparti confino di Nola e
soprattutto con il famoso referendum che ha annullato i più elementari diritti degli
operai e le prerogative dei sindacati, confermata ancora una volta dal recente incontro
con il governo Monti, fanno scattare la giusta rabbia operaia.
Ancora una volta la Fiat, vuole usare il ricatto occupazionale per avere agevolazioni,
incentivi pubblici, mentre gran parte della produzione è stata delocalizzata in altri
paesi europei e non solo.
Intanto nello stabilimento di Pomigliano continua la cassa integrazione che coinvolge
circa 2000 operai.
Bisogna uscire dal ricatto padronale orchestrato con la totale complicità di sindacati
come la Cisl, Uilm, Fismic e Ugl.
Un segnale importante viene da Taranto, in cui sempre più operai si sono uniti ai
cittadini, per dire per dire No al ricatto “o lavori e muori o muori di stenti e miseria”.
Da Taranto a Pomigliano bisogna colpire i profitti dei vari Riva e Marchionne,
anziché entrare in competizione con altri operai di altri paesi per vedersi assegnati i
modelli da produrre accettando ulteriori compressioni di diritti e di salario.
Rilanciamo la lotta:
per la drastica riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario
per il diritto al reddito incondizionato ed universale!

Intanto al termine del blocco stradale gli operai delle tre organizzazioni sindacali,
Fiom, Confederazione Cobas e Slai cobas hanno deciso e programmato ulteriori
giornate di lotta:

Merc. 28 sett. manifestaz a Pomigliano con concentramento a p.zza Primavera
ore 9.30
Da lunedì ’8 ottobre presidio permanente con tenda all’ingresso principale dello
stabilimento Fiat

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Occupata ex-scuola a Canalone

Sab Set 29 , 2012
La nostra vita è più importante dei vostri soldi. Il debito che aumenta nel nostro paese per colpa di scelte politiche che mirano a salvaguardare l’interesse di pochi si ripercuote ogni giorno sulla fascia più povera della popolazione, che col passare del tempo si allarga sempre di più. Oggi quasi […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...