SOLIDARIETÀ ALLA NOSTRA PRESIDENTE

La dottoressa Filomena Avagliano è una psicologa stimata in tutto l’ambiente del volontariato e conosciuta grazie al suo ruolo di presidentessa del centro di ascolto “Resilienza”. Il centro, che ha sede a Cava de’ Tirreni (SA) con operatività anche in numerosi comuni dell’agro nocerino-sarnese e dell’hinterland salernitano, da anni è impegnato in una battaglia senza quartiere contro la violenza sulle donne e contro ogni forma di discriminazione di genere.

La “nostra” Filomena, “Mena” per gli amici e per tutti coloro che l’hanno conosciuta in qualità di consulente, nel corso degli ultimi mesi è stata vittima di ben due attentati dinamitardi in danno della propria autovettura, attentati che hanno destato enorme scalpore in tutta l’opinione pubblica cavese e non.

Per questo nasce il comitato civico spontaneo, su base provinciale, denominato “Sostegno e solidarietà a Filomena Avagliano” che promuoverà, il prossimo Sabato 29 giugno, alle ore 10,30, presso l’Aula dei Gemellaggi del Comune di Cava de’ Tirreni (SA), la prima iniziativa pubblica per manifestare sostegno e solidarietà a questa donna capace di smuovere coscienze e di portare supporto alle persone più indifese delle nostre comunità.

Ovviamente, con questa iniziativa, non intendiamo affatto sostituirci alle forze dell’ordine e alla magistratura che stanno indagando per individuare gli artefici di tali atti, ma intendiamo far sentire la nostra vicinanza alla dottoressa Avagliano e, contestualmente, promuovere una nuova occasione di discussione pubblica sui temi della violenza di genere e più in generale della violenza di stampo camorristico e/o comune.

A margine della manifestazione pubblica e del successivo dibattito, si terrà un flash mob nei pressi del Comune di Cava de’ Tirreni per promuovere una raccolta firme e una petizione popolare a sostegno dell’attivista Filomena Avagliano e della sua lotta contro ogni forma di violenza di genere.

musumeci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Ragazzi picchiati perché visti gesticolare: erano sordomuti

Ven Giu 28 , 2019
Ieri a Cava due ragazzi sono stati picchiati. Qualcuno ha pensato che quei gesti che si stavano scambiando erano dei segnali inequivocabili per dei ladri. Attaccati, i ragazzi sono scappati senza proferire parola. Poi si è scoperto che erano due sordomuti. La notizia sembrerebbe satirica ma purtroppo è vera. Chissà […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...