Chiusura Parco Maria Carolina

Cosa ce ne facciamo della partecipazione a Caserta?

Reclaimers, rete di associazioni e liberi cittadini, ha iniziato più di un anno
fa a proporre percorsi di cittadinanza per promuovere una cultura di Beni Comuni
nella città di Caserta. L’area del Parco Maria Carolina, restituita dopo decenni
all’utilizzo dei Casertani, è una formidabile occasione per sperimentare un
laboratorio di cultura, animazione, formazione libera e vivere consapevole che è
offerta a tutti noi.

Per questo motivo, La Rete Reclaimers ha avanzato una proposta,
all’amministrazione comunale, per la gestione del Parco. Una proposta aperta al
contributo di tutti.

L’iniziativa “il Parco che Vorrei” nasce da tutto questo.

Abbiamo presentato richiesta per autorizzazione all’uso del parco in data
10.02.2012. Abbiamo portato in giro per i vari uffici la richiesta, facendo da
“messi comunali” tra uffici che non comunicano. Siamo stati autorizzati in data
16/02/2012 con Prot. n°12500 del Protocollo Generale del Comune di Caserta.
Successivamente siamo stati avvertiti che c’era la possibilità che questa
autorizzazione venisse revocata per problemi di inagibilità e sicurezza. Mentre
ci informavano di questo, nostri concittadini, ignari del pericolo, passeggiavano
liberamente con i cani nel parco. Si è corso ai ripari. Il parco è stato pulito,
sistemato e… chiuso!

Nessuna revoca ci è stata recapitata.

Alle 10:00 di oggi (19 Febbraio) ci siamo recati all’ingresso del Parco Maria
Carolina e con amarezza abbiamo scoperto che un lucchetto era stato messo a
chiusura del varco di ingresso; nonostante la repentina segnalazione ai Vigili
Urbani, presenti sul posto, gli stessi non sono riusciti a contattare nessun
responsabile dell’ Amministrazione Comunale.

A questo punto ci sembra evidente che, tralasciando le strumentali motivazioni di
inagibilità, l’Amministrazione abbia voluto tener chiuso volontariamente il Parco
per impedire che la nostra iniziativa si svolgesse.

Per questo le associazioni e singoli presenti stamane si sono convocati in
‘Assemblea permanente’ per continuare nella rivendicazione di un destino pubblico
per il Parco Maria Carolina e per reclamare con forza e convinzione quello che è
dei cittadini di Caserta.

Inoltre è stato dato avvio al “Registro del tempo”, raccogliendo le prime
adesioni, ed è stata rilanciata l’iniziativa “il Parco che vorrei” con più
determinazione e consapevolezza, da tenersi da qui a due settimane.

Facciamo appello al Sindaco e all’ Amministrazione di tornare indietro sui propri
passi e di prestare ascolto alle indicazioni e agli stimoli che vengono
spontanemanete dal tessuto associativo casertano, concedendo l’uso del Parco
Maria Carolina e ripensando alle strategie che vedono nei Beni Comuni della città
solo miseri introiti del breve periodo da assegnare al privato di turno.

Da parte nostra non ricorderemo oggi come una sconfitta, ma come un ulteriore
dimostrazione di quanto sia importante lottare e vigilare per evitare il pericolo
di svendere interi pezzi e servizi della città, ribadendo che ci opporremo a
qualsiasi tentativo di pagare il “dissesto” provocato da anni di malgestione a
danno della vivibilità e del diritto a vivere in una città che sia solidale,
aperta e partecipata.

Rete Reclaimers

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Presidio al ministero dell'Istruzione

Ven Feb 24 , 2012
SCUOLA: USB A SOSTEGNO DEI PRECARI OGGI IN PRESIDIO AL MINISTERO Roma, viale Trastevere – ore 14.00     L’USB Pubblico Impiego sostiene i Precari Uniti contro i Tagli, che oggi alle 14.00 sono in presidio a Roma sotto il Ministero dell’Istruzione per protestare contro la privatizzazione che sta distruggendo […]
usb
LIVE OFFLINE
track image
Loading...