Benvenuti a Ponticelli!

Domenica 27 Gennaio 2013,  attivisti del Coord. No Inceneritori di Ponticelli e della Rete Campana Salute e Ambientehanno effettuato una pulizia simbolica di una grande aiuola, divenuta un ennesimo sversamento, sita nei pressi della rotonda di via Argine adiacente al centro commerciale.

 

Mentre i volontari si sostituivano alle istituzioni preposte, decespugliando le alte erbacce e deponendo fioriere ottenete da copertoni dismessi, tre StreetArtists, del calibro di Raffo, Ted e Tasto, realizzavano un murales che ben sintetizza la positiva metamorfosi che avverrebbe se si perseguissero le buone pratiche virtuose in tema di ambiente e modello economico.

 

Ponticelli, ma il discorso è estendibile a tutta la VI Municipalità, versa in un profondo degrado:

roghi mefitici; sversamenti abusivi; depositi di carburante delle multinazionali del petrolio; il mal funzionante depuratore; inquinamento di suolo, falde acquifere ed aria.

Un quartiere caratterizzato dall’assenza di servizi ai cittadini; strade impraticabili e costellate da lastre di rifiuti tossico-nocivi; servizio di trasporto pubblico insufficiente; assenza di luoghi di socialità per minori, giovani ed anziani; tasso di disoccupazione altissimo e nessun progetto serio di rilancio economico, se non nuovo cemento e centri commerciali che non portano vera occupazione e soffocano il piccolo commercio.

Come se non fosse già troppo, Ponticelli era stata designata quale location per l’inceneritore di Napoli.

A tutto ciò si sommano le criticità dell’intera municipalità quali: le emissioni della centrale elettrica a turbogas di Vigliena; la darsena petroli; il preoccupante livello di inquinamento del mare del litorale di  San Giovanni a Teduccio.

 

L’agghiacciante quadro appena descritto (non a caso tutta l’area orientale è stata dichiarata S.I.N. – sito d’interesse nazionale), ha dei chiari responsabili:

lacasta politica che, a tutti i livelli, dal nazionale al locale, ha depredato i nostri territori, sfruttandoli e violentandoli per arricchirsi e far arricchire i soliti “amici degli amici”, lasciandoci nel degrado e nella precarietà.

 

Siamo stufi di “vivere” senza prospettive, di ammalarci di cancro ed altre malattie invalidanti e/o mortali.

 

Il territorio è nostro. Riprendiamocelo!

 

BASTA! DEGRADO, DISCARICHE ED OGNI FORMA DI COMBUSTIONE DEI RIFIUTI (INCENERITORI, BIOMASSE, CEMENTIFICI) – SUBITO BONIFICHE E RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO.

 

ESIGIAMO LA RIDUZIONE A MONTE DEGLI IMBALLAGGI; LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA;  IL RECUPERO/RIUSO DEI MATERIALI.

 

 

Coord. “No Inceneritori” di Ponticelli

Rete Campana Salute e Ambiente

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Unicoop Tirreni: De Magistris scenda in campo

Lun Gen 28 , 2013
Mentre le organizzazioni sindacali complici, dopo essersi sedute al tavolo improponibile con l’imprenditore casertano Catone, organizzano assemblee per spiegare ai lavoratori il “Piano Industriale” della nuova società, che porterebbe devastanti contrazioni in termini di diritti e di salario e che non darebbe alcuna garanzia per il futuro occupazionale, USB chiama […]
usb

You May Like

LIVE OFFLINE
track image
Loading...