Stop ENEL – Per un nuovo modello energetico

Lancio della Campagna
Assemblea internazionale verso la costituzione di una rete delle comunità danneggiate dall’ ENEL
29 aprile 2012, ore 10-18
CSOA Ex Snia Viscosa, Via prenestina 173, Roma
Lancio della Campagna
30 aprile 2012, ore 13.30-17.30
Di fronte sede ENEL, Viale Regina Margherita 125, Roma
Come primo appuntamento si incontreremo a Roma il 29 aprile in un’assemblea internazionale presso il CSOA Ex-SNIA comitati e associazioni italiani, rappresentanti delle comunità e movimenti locali dal Cile, Guatemala, Colombia, Albania, Romania, Russia. Il 30 aprile, giorno dell’assemblea degli azionisti, si terrà di fronte ENEL una conferenza stampa di presentazione della campagna: STOP ENEL. Per un nuovo modello energetico. Parteciperanno:
– Monsignor Alvaro Ramazzini – testimone d’onore delle comunità nel dialogo con l’ENEL (diga di Palo Viejo in Guatemala)
– Concepcion Santay – Sindaco indigeno maya/ixiles di San Juan Cotzal (diga di Palo Viejo in Guatemala)
– Victor Formantel Gallardo – Movimento Sociale dell’Aysèn (progetto Hydroaysen per la costruzione di cinque dighe nella Patagonia cilena)
– Juan Pablo Orrego – Ecosistemas/Patagonia sin Represas (Cile)
– Jorge Eladio Hueche Catriquir – in rappresentanza della comunità indigena Mapuche di Panguipulli (Cile).
– Miller Armin Dussan Calderon – Professore Surcolombiana e presidente di Assoquimbo (diga di El Quimbo in Colombia)
– Vladimir Slivyak – Ecodefense (progetto di centrale nucleare di Kaliningrad e centrale a carbone di Reftinskaya, in Russia)
– Codruta Nedelcu – ARIN (centrale a carbone di Galati in Romania)
– Diana Popa – BWN (centrale a carbone di Galati in Romania)
– Elona Saro – EDEN Center (centrale a carbone di Porto Romano in Albania)
– Un rappresentante del Comitato No Coke di Civitavecchia
– Un rappresentante del Comitato Ambiente Amiata

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

CasaPound si minaccia da sola

Ven Apr 27 , 2012
Rispetto alle farneticanti allusioni poste in essere dai fascisti di Casa Poud Salerno che attribuisco al coordinamento antifascista salernitano (di cui noi siamo parte integrante)  la minaccia fatta ad una loro militante, ci tenevamo a sottolineare alcune cose. Abbiamo sempre agito alla luce del sole, come di giorno siamo andati a […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...