Salerno: condannati per apologia di Fascismo

logo-antifaAPOLOGIA DI FASCISMO E ISTIGAZIONE ALL’ODIO RAZZIALE.

Casa Pound Italia, nella figura del suo dirigente Luca Lezzi, è stata riconosciuta responsabile di atti legati all’apologia di fascismo e all’istigazione all’odio razziale.
Questa organizzazione, protagonista di diversi episodi criminosi, violenti e xenofobi, che ha sempre praticato la politica del doppiopetto di almirantiana memoria, è stata finalmente smascherata anche sul piano giuridico penale.
La sentenza di Salerno rappresenta un precedente di assoluto rilievo specie in un contesto in cui si tende a riabilitare oscuri passati cui i nostri nonni partigiani avevano messo fine, e si assiste al perpetrarsi di comportamenti fascistoidi che trovano fertile linfa in tempo di crisi.
Infatti, populismo, omofobia, imbarbarimento delle relazioni sociali e nazionalismo stanno determinando scenari di restrizione delle libertà individuali e collettive volti all’instaurazione di nuovi totalitarismi che vanno in tutti i modi rigettati.
L’Antifascimo per noi non è solo materia di carattere giuridico, ma si pratica quotidianamente, dalle strade ai posti di lavoro, ed è bene ricordare, in riferimento ai recenti avvenimenti, che esso è inscindibile dalla lotta al capitalismo, le cui oligarchie politico-economiche sia in campo nazionale che internazionale hanno reso e rendono sempre più precaria la vita a milioni di persone.

C.S.A. Jan Assen
Associazione Culturale Andrea Proto

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Solidarietà a Giorgio Cremaschi brutalmente silenziato

Gio Mag 2 , 2013
No al porcellum sindacale Giorgio Cremaschi. Nella mia lunga esperienza sindacale non mi era mai capitato di vivere in prima persona la scena madre del film ‘L’uomo di marmo’.. Ora mi è successo. Ero sfuggito alle maglie strette della selezione preventiva di coloro che avevano diritto a partecipare alla riunione […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...