Presentazione del libro: TORTURA di Maria Rita Prette

3

Il libro porta l’attenzione sulla tortura come pratica politica attraverso la quale anche gli Stati democratici, Italia compresa, esercitano il loro potere affermando il monopolio della violenza nella loro relazione con i cittadini. Una rapida ricognizione degli eventi di tortura accertati in Italia in diversi contesti fa emergere come il ricorso a questa pratica sia diventato possibile, accettabile, ordinario. Sono alcuni soggetti sociali, ritenuti torturabili senza suscitare indignazione a divenire di volta in volta bersaglio di questa violenza specifica che soltanto agenti addestrati e autorizzati possono esercitare. L’istituzione di corpi speciali in patria come la partecipazione alle aggressioni belliche all’estero consentirà agli Stati di diritto di spettacolarizzare in questo modo il loro potere e garantirlo, esattamente come facevano i sovrani di un tempo e come fanno le dittature nostre contemporanee.

Svolgimento della serata

Saluti di Radio Vostok: Patrizia Reso
Intervengono:
Geraldina Colotti -Giornalista e scrittrice
“Marita” Prette – Autrice
Amarilis Gutiérrez Graffe -Console generale della Repubblica Bolivariana Napoli
Loredana Marino-Rappresentante della segreteria nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
Valentina Restaino- Penalista

Per alternare un po’ di letizia alla mestizia, gli interventi dei relatori si alterneranno alle rime del cantastorie, alle note del musicista, alle interpretazioni degli attori.

21FEBBRAIO ore 17:30
Sala di Rappresentanza – Comune di Cava de’ Tirreni

crazyhorse

3 thoughts on “Presentazione del libro: TORTURA di Maria Rita Prette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Conferenza Stampa per "AFRICA"

Gio Feb 15 , 2018
Lo scorso 5 novembre a bordo della nave spagnola Cantabria sbarcata a Salerno, vengono rinvenuti i corpi senza vita di 26 donne morte nella traversata del Mediterraneo. Una delle vittime viene poi sepolta a Cava de’ Tirreni. Oggi questa ragazza riposa nel nostro cimitero in una lapide vuota, senza un […]