No alla guerra imperialista!Si all’autodeterminazione del popolo libico!

3

Il 19 marzo 2011 è cominciata l’ennesima guerra “umanitaria” imperialista.
Questa guerra ha come scopi non la difesa del popolo libico, ma unicamente interessi economici e strategici: infatti essa va ad inserirsi in un contesto più ampio di ridefinizione degli equilibri geopolitici del Nord-Africa e del Medio-Oriente da parte delle potenze imperialiste, le quali utilizzano il pretesto della guerra “umanitaria” per imporre il proprio dominio in questi territori e per giustificare la volontà di appropriarsi delle ricchezze naturali altrui, quali petrolio e gas.
Il governo italiano, dopo qualche tentennamento iniziale, impaurito dalle possibili conseguenze della crisi libica a causa dei forti legami tra i due paesi, ha dichiarato il suo appoggio all’intervento militare mettendo a disposizione della “coalizione dei volenterosi” numerose basi, facendo salpare le proprie navi e offrendo Napoli come luogo di direzione per le operazioni militari NATO.
Di fronte all’ennesima guerra imperialista noi non possiamo che esprimere nettamente il nostro dissenso e la nostra indignazione (oggi 23 marzo è stato calato uno striscione dal bar di lettere dell’Università di Salerno che recita: “no alla guerra si all’autodeterminazione”); sottolineando allo stesso tempo il diritto del popolo libico all’autodeterminazione contro il potere di Gheddafi.

NO ALLA GUERRA IMPERIALISTA!!!
SI ALL’AUTODETERMINAZIONE DEL POPOLO LIBICO!!!!

C.S.U.

stakanov

3 thoughts on “No alla guerra imperialista!Si all’autodeterminazione del popolo libico!

  1. Pingback: USA Gun Shops

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Attacco fascista a Napoli

Ven Mar 25 , 2011
Ieri a Napoli un gruppo di neofascisti ha aggredito i compagn* che hanno partecipato al presidio contro la guerra a Capodichino. I compagni, tra cui presenti anche quelli della radio, sono stati aggrediti con mazze, pietre, catene e caschi. L’enoteca dove si erano barricati è stata distrutta. Non possiamo che […]