Header

Mercatino delle idee

Apre i battenti il prossimo 22 aprile…

Salerno – Apre i battenti il prossimo 22 aprile per promuovere nuovi stili
di vita sostenibili e consapevoli. Si tratta del «Mercatino delle idee»,
che occuperà con i propri stand gli spazi antistanti l’ex scuola media
Gatto di via Cantarella a Pastena.

«Promuoveremo l’artigianato locale, l’agricoltura biologica,
biodinamica e a km0, ma anche il consumo critico, il riciclo creativo, le
energie alternative, il commercio equo e solidale, i rifiuti zero»,
dichiara Rosa Sabato, componente della federazione Usb Salerno.

«Tutto il mondo dell’associazionismo di base si prepara con entusiasmo a
questo appuntamento che intende richiamare giovani e famiglie – spiega – ci
sarà spazio per svariate idee di produzione sostenibile».

Un «mercatino alternativo», questa in sostanza la proposta della kermesse
organizzata dalle associazioni Avdicaf, Arcipelago Scec, Cycling, Collettivo
Salerno Beni comuni, Comitato acqua pubblica Salerno, Gassa, Kollettivo
Wobby e Legambiente Salerno Orizzonti. Nel corso della giornata saranno
allestiti stand espositivi di prodotti artigianali ed alimentari presso la
sede dell’ex scuola media Gatto.

Il programma (si parte dalle 12) prevede anche spettacoli musicali e
teatrali, oltre a laboratori del dire e del fare. Sará infine possibile
consumare un pranzo sociale a prezzo molto contenuto. L’idea del
«Mercatino delle idee» è di dare slancio all’autoproduzione
sostenibile, al risparmio e al riciclo per combattere la crisi.

Trenta gli espositori di piccolo artigianato e bigiotteria che hanno già
aderito.

Ma le richieste di partecipazione all’appuntamento espositivo
continueranno anche nei prossimi giorni. «Proporremo altri stili di vita
per combattere la crisi dal basso con creatività e idee innovative –
conclude Rosa Sabato – Il mercatino rappresenta una occasione suggestiva per
guardare con occhi diversi la crisi: mettendo in campo spirito di
iniziativa, risparmio e sostenibilità si può affrontare con ottimismo le
criticità del periodo economico in cui viviamo, caratterizzato da una forte
crisi dei consumi».

Potrebbero interessarti ...

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1