Il “Porto di Pastena” non sarà più costruito. L’attuale Porticciolo non sarà sconvolto dalla speculazione.

“La determina conclusiva della Conferenza dei Servizi datata 19.12.2012 sostituisce per espressa previsione di legge e della stessa determina tutti i titoli necessari alla realizzazione dell’intervento e, quindi, anche il permesso di costruire. Poichè i lavori autorizzati col PDC debbono essere iniziati a pena di decadenza entro un anno dal rilascio, il termine annuale di inizio lavori è venuto a scadere in data 19.12.2013 con conseguente decadenza della stessa determina conclusiva nella parte in cui assume valenza di PDC. Ne consegue che oramai i lavori non possono essere più iniziati”
Queste le parole dell’avvocato Gaetano D’Emma.

Il comitato “Giù le mani dal Porticciolo”, i residenti e tutti i sostenitori sono felicissimi di informare del fatto che, dopo un anno e mezzo di lotta, la minaccia della grande speculazione edilizia camuffata da Porto turistico sembra finalmente scemata. Insomma, per ora, abbiamo vinto.

Il lavoro del comitato svolto al Porticciolo di Pastena ha tolto dall’abbandono il luogo che tanto amiamo donandogli una seconda giovinezza. Il piccolo Borgo marinaro è tornato ad essere percepito come un posto importante, da difendere in tutta la sua bellezza, da rendere migliore.

Grazie a questa esperienza sempre più persone si sono avvicinate alle tematiche ambientali, si è creato uno spazio comune di socialità con estensioni ideali in tutte le lotte simili come NOTAV, Bilancione a Fiumicino, NOMUOS.

Questa contro la speculazione del “Porto di Pastena” è solo la nostra prima vittoria. Adesso è arrivato il momento di chiedere ai nostri amministratori di farsi carico della necessaria riqualificazione del Porticciolo.
Una riqualificazione reale, che apporti migliorie all’esistente senza stravolgerne le forme e rispettandone le qualità; va chiesto inoltre, a gran voce, di coinvolgere i cittadini nelle scelte urbanistiche e non di escluderli totalmente come è stato fatto in passato.

Continueremo a lavorare per la salvaguardia e la valorizzazione del Porticciolo. Organizzeremo, come sempre, attività sociali e culturali che possano rafforzare e unire la comunità di salernitani che amano e difendono la loro terra, coloro che conservando storia e tradizioni vogliono distinguersi dai modelli venduti dai promotori delle cosiddette “grandi opere”.
GIU’ LE MANI DAL PORTICCIOLO!

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Mani sulla città: Storia del palazzo occupato in Salita Arenella

Lun Feb 3 , 2014
LA STORIA DEL PALAZZO C’era una volta un rudere… può cominciare così la storia del palazzo all’angolo tra via Orsi e salita Arenella (che poi ora è Salita Silvia Ruotolo e non è una differenza da poco, ma non lo sa nessuno, nemmeno la targa della strada…). Una società privata, […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...