Giorgio Napolitano è figlio di Re Umberto II

9

Pubblichiamo un intervento del giornalista Cristiano Lovatelli Ravarino sulle vere origini di Giorgio Napolitano che in questo momento ha assunto il ruolo di monarca italiano

Pochi lo sanno, anzi in Italia sono in molti ma tacciono, ma quando la gente scherzando allude al fatto che il Presidente Napolitano sembra il figlio di Re Umberto II tanto ne è il sosia, sbaglia.Nel senso che Napolitano non sembra, E’ il figlio naturale del nostro ultimo Re. Sua madre contessa di Napoli (titolo che da buon comunista ha sempre accuratamente nascosto come Berlinguer faceva con il suo titolo di marchese ) era una delle dame di compagnia della regina Maria Josè che a volte, esasperata dalla folla di amanti del Re (in genere donne ) gli piazzava rappresaglie gigantesche e se ne andava (notoriamente innamorandosi forse una sola volta: di Indro Montanelli che da grandissimo signore si è sempre rifiutato anche solo di discutere l’argomento ) In una di queste prolungatissime assenze la dama di compagnia di Maria Josè lo divenne anche del Re, al punto che ne nacque il prestigioso pargolo. Questo accadimento,confermatomi in una intervista registrata che ancora conservo da uno dei comunisti più informati e anche per bene che abbia mai consciuto Ciro Soglia (grande giornalista,grande partigiano ) costò l’elezione a segretario del PCI al nostro attuale Presidente. Quando Betlinguer morì all’improvviso anche un focomelico avrebbe capito che il PCI disponeva di due sofisticati colti rassicuranti fuoriclasse per scalare fin da allora le paure della borghesia: l’ex sindaco di Bologna Renato Zangheri e il nostro attuale primo cittadino. Invece si suicidarono eleggendo l’ultima raffica di Stalin all’interno del PCI : Natta, pedante, tardoleninista, gufaceo, impresentabile. Come fu possibile? E’ molto semplice. L’ex sindaco di Bologna aveva da tempo una incredibile storia segreta (preberlusconiana osiamo dire ) con la nobile moglie di uno dei più rampanti industriali italiani, Napolitano era il figlio genetico del Re. Due giganteschi scheletri nell’armadio che il partito temeva sarebbero saltati fuori se la stampa internazionale avesse iniziato a scavare a fondo nelle loro vite come scontato se eletti segretario. Quindi elessero la continuità perbenista , una continuità ideologicamente già incartapecorita, quasi commoventemente grottesca, come nel caso di Natta. Un errore di valutazione che ritardò forse di vent’anni la loro trasformazione in forza governativa.

crazyhorse

9 thoughts on “Giorgio Napolitano è figlio di Re Umberto II

  1. Napolitano è nato nel 1925, Maria José ha sposato Umberto nel 1930.
    La madre di Napolitano non poteva essere, nel 1924, dama di compagnia di una principessa appena 18nne che viveva in Belgio.

  2. Postiamo un ulteriore testimonianza:
    Ricordo tanti anni fa’ , mentre passeggiavo per Corso Umberto a Napoli, in attesa di sostenere il mio primo esame di Medicina (Psicologia Medica), mi soffermai davanti ad una vetrina di studio fotografico. Vi erano in bella mostra foto di uomini dello spettacolo e politici. Militavo, illo tempore, nel PCI (non rinnego il passato, ma son ben felice di non appartenere piu’ a sigle di sinistra, centro e destra, mere indicazioni stradali) e rimasi affascinato dalle foto dei deputati comunisti. Chiesi quanto costasse la foto di Napolitano. Il proprietario mi chiese: “Chi dotto’, o’ figlio du Rre”. Allora non capii, poi negli anni successivi cominciai a capirne di più . La foto non l’acquistai . Costava troppo per uno studente, anche se mi avevano chiamato “dotto'”!

  3. Questa notizia fa il paio con la presunta parentela tra Mussolini e Bruno Vespa, tra l’altro da lui mai negata apertamente.
    Cosa posso dire?
    è plausibile, staremo a vedere se seguiranno delle denunce o meno……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Sfratti zero a Roma

Ven Nov 23 , 2012
Continua l’autunno caldo per il diritto alla casa, fronte di lotta contro le politiche europee di austerità. Dopo il FSU, la Campagna Sfratti Zero ha assunto una dimensione politica generale: il 10 ottobre un centinaio di iniziative in tutta Italia, il 27 ottobre, con tutti i sindacati inquilini,  mobilitazione generale, […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...