È morto il re, viva il re

19

Noi siamo ancora a qui, a commemorare Carlo Giuliani. Sempre con le stesse facce, i pantaloni e i capelli che non cedono alle mareggiate della moda. Riconosci le stesse battaglie negli occhi degli altri e pare che nessuno le possa declinare in parole, forse solo in sorrisi accennati. “Dove siamo finiti? Hai sentito di salvini..”frasi scandite con i diversi regionalismi, i diversi accenti. Per chi c’era , Carlo è qualcosa di più. Beato quel popolo che non ha bisogno di eroi, diceva un vecchio adagio. Quell’eroe è ancora Cassandra, un profeta inascoltato. Era il 2001, la grande recessione economica del 2007 era uno spettro inimmaginabile. L’eterna ed ineluttabile crescita del sistema economico capitalistico sembrava un assioma incontrovertibile. I dettami erano liberismo e concorrenza per favorire la crescita. Perché si sa, se fai gareggiare liberamente in un incontro di boxe un peso massimo e un peso piuma, il peso piuma ha maggiori possibilità di imparare, imparare come si muore. E così mentre un interno movimento chiedeva un’economia a misura di uomo e non un uomo a misura d’economia, qualcuno si preparava a reprimere quel dissenso. Venne la Diaz, Bolzaneto, piazza Alimonda. Poi venne la crisi economica. L’austerity, i tagli. Poi venne un governo di centro-sinistra capace di cancellare i diritti dei lavoratori.
Quell’antiglobalismo che giaceva in una pozza di sangue in piazza Alimonda divenne becchime per le galline nazionalistiche. La polarizzazione successiva è quella di oggi. Se da una parte vi è un’intellighenzia globalista e liberista, dall’altra vi è la destra che ha compiuto (ancora una volta)lo sfondamento a sinistra, sostenendo in maniera patriarcale da una parte i temi sociali e inneggiando al nazionalismo dall’altra.
Quell’antiglobalismo che era argomento nostro, è diventato affare dei trump, salvini, le pen, putin, orban.
Noi che sapevano di avere ragione, oggi sappiamo che Carlo è sempre qui con noi nelle piazze di Libertà , dalla Palestina all’America latina , la dove ogni sfruttato prenderà la sua bandiera rialzandola nell’azzurro cielo della sua Genova urlando la sua rabbia.

Pastore Luca, Falco Carmine

 

 

           

Carmine Falco

19 thoughts on “È morto il re, viva il re

  1. Pingback: carshipping
  2. Pingback: go x
  3. Pingback: debt
  4. Pingback: Click Here
  5. Pingback: rehab center
  6. Pingback: va juste à
  7. Pingback: sbo
  8. Pingback: citas mujeres
  9. Pingback: Steroid Shop
  10. Pingback: escort girls
  11. Pingback: ecstasy pills good
  12. Pingback: dating
  13. Pingback: kardinal stick

Lascia un commento

Next Post

Il Movimento No Tap per continuare a dire No

Mer Lug 25 , 2018
Il Movimento No TAP della provincia di Brindisi organizza un dibattito pubblico Lunedì 30 Luglio alle ore 21,00 in Piazza della Vittoria a Lendinuso - comune di Torchiarolo sul tema del gasdotto TAP e interconnessione TAP/Snam. Il titolo della iniziativa è: PER CONTINUARE A DIRE NO A TAP E SNAM […]

You May Like

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE