Assad Darwesh brutalmente ucciso in Palestina

AIDA RESISTE

 

Neanche il caldo da tregua alla popolazione del campo profughi di Aida. Ieri sera, Assad Darwesh 14 anni, e’ stato brutalmente colpito dai militari israeliani. Assad era con degli amici. Passeggiavano. Erano accanto al muro. Cercavano un po’ d’aria a causa del caldo soffocante. Nulla perdona ad Aida dove l’esistenza e’ resistenza quotidiana.

Assad non era solo ieri sera. Tantissima gente del campo era con lui in ospedale in attesa di ricevere notizie. Ai Aida non si e’ mai soli. Ad Aida la solidarieta’ ha il volto della gente, dei loro sorrisi, dei loro occhi, della loro profonda umanita’.

Assad sta meglio. Un compagno di Aida segue la vicenda in prima persona e ci informa dei fatti.

Nulla e nessuno potranno mai spiegare il perche’ di tutto questo.  Israele non si accontenta di aver chiuso la popolazione palestinese dietro al muro, di negare loro acqua, terra, liberta’ di movimento, accesso a cure mediche. Non si accontenta di aver creato una prigione che si chiama Palestina. Non si accontenta di uccidere e arrestare civili innocenti, bambini. Non si accontenta di sostenere I coloni nelle loro quotidiane violenze ai danni della popolazione. No, Israele vuole di piu’. Vuole negare alla popolazione palestinese anche la possibilita’ di sentirsi liberi tra le mura di casa propria, tra le mura palestinesi. Quelle mura che Israele stesso ha costruito. Prima o poi quel mostro di cemento sara’ abbattuto e la Palestina si riprendera’ quello che gli e’ stato illegalmente e arbitrariamente sottratto.

La Palestina resiste perche’ la Palestina esiste.

Contro ogni muro e ogni violenza.

Contro Israele e la sua politica.

Sempre, Palestina libera.

 

Leyla_Palestina

crazyhorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Si puó morire d'amianto

Lun Giu 3 , 2013
Vivere a contatto con l’amianto è un’esperienza di per se’ difficile e pericolosa, ma quando poi ci si ritrova a dover fare i conti con un “padrone” che non ti paga l’avvelenamento da lui nascosto e minimizzato, atto solo al suo profitto a costo della sicurezza sul posto di lavoro, […]
LIVE OFFLINE
track image
Loading...