Header

Solidarietà Antifascista

Solidarietà per le due compagne aggredite da esponenti di blocco studentesco.

Di seguito alcuni comunicati di solidarietà:

Veniamo a conoscenza del grave atto squadrista avvenuto all’Alfano I, per mano dei militanti di Lotta Studentesca, ai danni di due studentesse antifasciste aggredite da prima verbalmente e in un secondo momento fisicamente. Come Giovani Comuniste\i e Collettivo Studenti Ribelli condanniamo questo grave atto violento, e siamo solidali e complici con le compagne aggredite. Lunedì mattina ci saremo anche noi al presidio di solidarietà convocato davanti all’ Alfano I contro ogni fascismo,perché le strade sono di chi ama e non di chi genera odio,come chi stamattina propagandava materiale razzista e xenofobo. Quello che ci lascia con maggiore sgomento è l’atteggiamento di disinteresse assunto dall’Istituzione scolastica nel momento in cui le due compagne si recavano a ritrovare conforto e solidarietà da chi dovrebbe educarle e proteggerle. Per questo speriamo che il corpo docente e la preside partecipino lunedì al presidio insieme alle studentesse e agli studenti per rivendicare una scuola laica e figlia dei valori della Costituzione. Fin da ora come Giovani Comuniste\i e Collettivo Studenti Ribelli diamo la nostra disponibilità alla preside dell’ istituto per la costruzione di un’iniziativa educativa sulla costituzione e sull antifascismo.

Oggi 15 dicembre 2018, due ragazze del liceo Alfano I, sono state aggredite da alcuni esponenti della giovanile del cosiddetto partito neo-fascista Forza Nuova, Lotta Studentesca, accompagnati dal Coordinatore Provinciale, originario di Montoro, di circa 35 anni. In particolare una ragazza dopo aver ricevuto diversi insulti sessisti quali “tu sei donna non puoi parlare”, “stai zitta vai a casa a lavare i piatti” ha reagito e si è vista aggredita da persone ben più grandi di lei che le hanno sferrato colpi sulla faccia più volte. Le due ragazze erano colpevoli di aver ricordato che il fascismo è anticostituzionale e che in nessun luogo, nessuna strada, nessuna scuola, c’è spazio per chi semina e alimenta odio. Sui fogli che gli aggressori stavano distribuendo senza autorizzazione (violazione Regolamento Comunale) fuori scuola, c’era la solita propaganda razzista e xenofoba, che punta il dito contro gli ultimi, contro i più poveri e che invitava a non accogliere studenti stranieri nelle classi, ma noi siamo consapevoli di come si possa speculare su questi temi ed è per questo che rigettiamo con forza l’ondata di razzismo che vogliono far insinuare anche nei luoghi della formazione. Non abbiamo intenzione di piegarci all’ennesimo atto di terrorismo fascista, abbiamo visto in cosa consiste la loro essenza, squadrismo, violenza, aggressioni contro i minori senza la minima vergogna. Solidarietà ad Anna e Roberta, le due ragazze aggredite, che dopo l’accaduto e dopo aver visto andarsene i neo-fascisti con tanto di saluto romano, sono salite nella vicepresidenza della loro scuola ma non hanno trovato nè il conforto nè la solidarietà da chi dovrebbe educarli e proteggerli, che evidentemente ignorano il ruolo dei luoghi della formazione dimenticando che chi tenta di emulare le “gesta” del fascismo calpesta la nostra costituzione e l’umanità. Lunedì alle ore 8.30 ci incontreremo in presidio davanti al Liceo Alfano I per urlare il nostro antifascismo e la nostra netta opposizione a questo clima di odio e violenza e in solidarietà alle nostre compagne. Salerno è e sarà sempre ANTIFASCISTA.

Potrebbero interessarti ...

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1