Header

Riuscito presidio contro la Discarica a Laurito

LAURITO – Oltre cinquecento persone a gridare la discarica non la vogliamo. Si sono riunite, convocate dal Comitato “Cilento oltre il rifiuto”, in piazza a Laurito a tre giorni dall’arrivo delle trivelle che devono dare il via ai carotaggi in località Rizzoli, la zona individuata dal Commissario Straordinario Annunziato Vardè per lo sversatoio. “Il Cilento ha le ore contate, no a discariche e inceneritori né qui né altrove”, questo lo striscione che ha campeggiato sul palco dove si sono susseguiti i vari interventi dei cittadini che hanno deciso di combattere per proteggere il loro territorio. Cittadini che sono arrivati da tutte le parti del Cilento in particolare da Vallo della Lucania, Pioppi, Sapri, Camerota, Stio Cilento, Buonabitacolo e San Giovanni a Piro dove è stato organizzato un pullman diretto a Laurito. “In questa serata – hanno detto dal Comitato – aspettavamo anche l’intervento dell’Ente Parco, ma come è stato assente in tutti questi mesi così è mancato pure all’iniziativa. A questo punto – hanno ribadito – non si capisce perché ancora Amilcare Troiano occupi la poltrona di presidente quanto non tutela assolutamente il territorio che dovrebbe salvaguardare. Chiediamo da questa piazza ufficialmente le sue dimissioni”. Il ragionamento portato avanti dal microfono aperto della piazza è stato allargato anche alla Comunità del Parco che riunisce i sindaci che fanno capo all’Ente di salvaguardia del territorio: “Dopo la prima assemblea che si è tenuta a Vallo della Lucania, ormai più di un mese fa – hanno affermato dal Comitato – nulla è stato fatto. Ora si convoca un’assemblea a Montano Antilia, il 14 dicembre, ma troppo tardi perché nel frattempo i  carotaggi si compiono il 12 dicembre”. Insomma una disaffezione verso gli amministratori locali che si è manifestata in tutti gli interventi, davvero numerosi, che hanno segnato la serata. “E’ solo il punto di partenza – hanno concluso la serata, che nessuno si aspettava così partecipata nei numeri, dal Comitato – perché adesso ci tocca la battaglia che inizierà sul campo il prossimo lunedì. Fino a oggi ci hanno detto di stare tranquilli, ma così facendo pian piano vengono ad aprire la discarica senza che nemmeno ce ne accorgiamo. Noi rilanciamo le nostre proposte che sono quelle che si rifanno alle 4R (riduzione, riuso, riutilizzo, riciclo), ma intanto siamo pronti a difendere la terra cilentana con i nostri corpi”.

Potrebbero interessarti ...

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1