Header

Manifestazione a Roma il 15 Maggio

 

dalle ore 13 alle ore 17.30 volantinaggio a Piazzale Aldo Moro

 Ore 18 CORTEO DA PIAZZA DELLA REPUBBLICA

                   Manifestazione della Nakba, verso Piazza dell’Esquilino

Serata a Piazza dell’Esquilino
dalle ore 19 Iniziativa sulla Nakba palestinese



64° Anniversario della Nakba (La Catastrofe palestinese)

Da 64 anni, dal 1948, il 15 Maggio di ogni anno il popolo palestinese tutto commemora, ovunque si trovi, dalla Palestina ai luoghi della Diaspora, l’anniversario della Nakba palestinese.

Tragedia e pulizia etnica sistematiche iniziano nel 1948 per mano delle milizie terroriste sioniste, da quella data confluite ufficialmente nell’esercito dello Stato di Israele, fondato sulla terra di Palestina. La Nakba è la pulizia etnica con l’espulsione e la cacciata di 900mila palestinesi, da allora entrati nello status di rifugiati fuori dalla loro terra, massacrati ovunque in Palestina, dove 532 villaggi e 9 città palestinesi furono cancellati.

La continuazione delle pratiche coloniali sioniste: Apartheid, prigionia e tortura, bombardamenti indiscriminati, demolizioni di case, furto della terra, sono tutti crimini contro l’umanità compiuti da Israele ai danni del popolo palestinese, che poi non si sono mai arrestati, grazie anche alla complicità e al silenzio della comunità internazionale sulla conduzione della pulizia etnica e sulla costruzione delle colonie sulle terre della Palestina.

LA TERRA E’ AL CENTRO DELLA LOTTA DI LIBERAZIONE DELLA TERRA DI PALESTINA

Questo è lo sfondo nel quale collocare l’incerta sorte degli oltre 10milioni di palestinesi che abitano nei Territori palestinesi occupati nel ’48 (oggi Israele), nella Palestina occupata nel 1967 da Israele (Cisgiordania, Striscia di Gaza e Gerusalemme) e a coloro che vivono in Diaspora, nell’esilio, lontani dalla patria d’origine.

Al 64° anniversario della Nakba e di fronte all’attualità palestinese, affermiamo quanto segue:

1. E’ necessaria la condanna dell’occupazione sionista e del regime d’Apartheid che Israele ha instaurato in Palestina. Tale politica deve avere un termine. Chiediamo che si realizzi giustizia sociale, dignità e pace genuina per il popolo palestinese, per mezzo di provvedimenti e sanzioni di legge, boicottaggio nei confronti dei responsabili israeliani di tali crimini praticati contro il popolo palestinese..

2. Il Diritto al Ritorno degli oltre 7milioni di rifugiati palestinesi che dal 1948 attendono di tornare nelle loro case d’origine in Palestina e il risarcimento per i danni causati loro.

3. Diritto di autodeterminazione del popolo palestinese sulla sua terra, la Palestina Storica.

Un diritto legittimo e umano e principio di autodeterminazione dei popoli previsto dal diritto internazionale.

4. La libertà di migliaia di prigionieri politici palestinesi nelle disumane prigioni dell’occupazione israeliana, in questi giorni impegnati nel più generale degli scioperi della fame, alcuni anche della sete, ad oltranza. La loro è una forma di protesta contro le violazioni dei propri diritti fondamentali. Essi protestano contro le detenzioni in isolamento, la detenzione amministrativa (senz’accusa e prorogabile a oltranza, ndr), per il ripristino del diritto allo studio, quello a ricevere le visite, contro le irruzioni nelle celle.

5. Porre fine al vergognoso silenzio della comunità internazionale durato 64 anni fino ai giorni nostri. Silenzio complice e responsabile della negazione dei diritti fondamentali del popolo palestinese

TU NON FARTI COMPLICE DELLA NEGAZIONE DELL’ESISTENZA DI UN INTERO POPOLO!

6. Fermare la cooperazione politica, economica e militare tra la Repubblica Italiana e il regime d’Apartheid di Israele, fermare le forme di copertura internazionale ai crimini che Israele continua a commettere, violando per mezzo di tale collaborazione la Costituzione della Repubblica, nella quale si vieta allo Stato italiano di sostenere o cooperare pratiche di persecuzione e pulizia etnica nei confronti di persone inermi.

Auspicando di essere riusciti a creare in te consapevolezza della Questione Palestinese, ti invitiamo a condividere la tua opinione partecipando alla presente iniziativa nel nome della dignità umana, della giustizia e per la pace per il popolo palestinese.

Manifestazione a Roma il 15 Maggio

Serata a Piazza dell’Esquilino
Dalle Ore 19.00 Iniziativa sulla Nakba palestinese 

Saranno installati tende per simboleggiare gli attendamenti del 1948 e
per raccontare le storie dei palestinesi tramandate dai loro genitori e nonni
di seguito collegamenti telefonici con:
Layla Khaled militante e componente del Consiglio Legislativo Palestinese.
Hanin Zoabi  politica palestinese, membra del Knessetrappresentante A.N.D
Karma Nabulsi ex-membra O.l.p (organizzazione per la liberazione della Palestina)

Concerti musicali
Cena palestinese
Danze di R-esistenza 
palestinesi
VJ e Dj-Set Resistance

promossa dai Giovani Palestinesi, dalla Comunità Palestinese di Roma e del Lazio e dalla Rete Romana di solidarietà con  il popolo palestinese 

Potrebbero interessarti ...

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1