Header

[Dibattito] Conoscere il nemico per combatterlo: le nuove destre, tra Lega e Casapound

A Villa Medusa Occupata
Mercoledì 18 marzo
alle ore 16.30

https://www.facebook.com/events/828404753892764/

Iniziativa sull’avanzata delle nuove destre: le saldature tra la Lega e i gruppi fascisti italiani, i loro legami nel resto d’Europa. La strategia della destra come soluzione della borghesia per scaricare il malessere sociale dovuto alla crisi e a decenni di controriforme sugli immigrati e sui più poveri scatenando la guerra tra poveri!

Ne discutiamo a Villa Medusa, a Bagnoli, con docenti universitari e storici della resistenza.

a breve l’intero programma

Dax Vive!

—————————————————————

La crisi sistemica che stiamo vivendo in Italia e in tutta Europa è ben lungi da una conclusione. Le manovre di lacrime e sangue dei vari governi continuano a colpire gli strati più poveri: dagli studenti ai disoccupati, con gli attacchi al lavoro portati dal Jobs Act e il moltiplicarsi dei contratti precari ad alti tassi di sfruttamento.

In questa situazione è preoccupante l’avanzata dei movimenti xenofobi e populisti, che propongono la guerra tra poveri con l’immigrato e il senza tetto, sfruttando il malcontento generale per aumentare il proprio bacino di voti e proseguire nei loro piani criminali. Su questa falsa riga si struttura l’operazione che sta svolgendo oggi la Lega Nord, ripulendosi il volto che negli anni lo ha contraddistinta con l’attacco al sud parassita e nullafacente, per creare una nuova forza politica di destra che possa raccogliere questo malcontento e portarlo contro gli immigrati e i più poveri.

Oggi lo stesso partito della secessione si propone come alternativa al governo Renzi. Dopo 20 anni di complicità con Berlusconi e tutti i governi precedenti, hanno contribuito alle controriforme che hanno smantellato lo stato sociale conquistato in decenni di mobilitazioni di lotta operaie e studentesche. Non è un caso l’alleanza con Fratelli d’Italia e altri partiti della destra istituzionale, interni alle coalizioni che promossero la legge Biagi o la riforma Gelmini, che hanno devastato la condizione di migliaia di proletari.

Il corteo promosso dalla Lega Nord il 28 Febbraio a Roma ha confermato il tentativo di saldatura di questo partito con i gruppi fascisti e di estrema destra: da Casapound a Militia (realtà famose per aggressioni e accoltellamenti a immigrati, omosessuali e in generale a chi alza la testa contro questo sistema), erano numerosi i nostalgici del ventennio e del duce presenti in piazza. Il pericolo concreto è che la Lega, oramai il vero partito di destra in Italia, diventi il soggetto politico al quale questi gruppi si appoggiano per sdoganarsi in parlamento, diventando di fatto i mazzieri del partito di Salvini. Non è una novità la natura violenta di questi gruppi, esempi degli ultimi anni sono gli accoltellamenti agli studenti di Lettere di Napoli, il tentato assassinio ad Emilio (militante dei movimenti sociali di Cremona), fino all’omicidio di Samb e Diop a Firenze, uccisi da un diretto militante di Casapound, e dagli stessi ambienti della destra romana viene Daniele de Santis che il 3 Maggio dello scorso anno uccise in un agguato Ciro Esposito.

Per smascherare questi piani criminali è necessario riportare alta l’allerta antifascista, impedire a fascisti e leghisti di attecchire sui nostri territori. Il 28 Febbraio in contemporanea alla manifestazione della Lega, un corteo di 30.000 antifascisti ha ribadito che un reale percorso per il miglioramento generalizzato delle condizioni di vita si contrappone alla guerra tra ultimi e penultimi, ed è per questo che ribadiamo la centralità dell’antifascismo all’interno dei percorsi di lotta quotidiani che dalle scuole alle università, dai territori ai posti di lavoro, crei un’opposizione sociale e politica a questo governo e alle manovre di lacrime e sangue imposte dall’Unione Europea.

Da queste brevi considerazioni, invitiamo alla partecipazione all’assemblea pubblica che terremo venerdì 13 Marzo a Villa Medusa, a Bagnoli. Ne parliamo con docenti universitari e storici della resistenza illustrerando la peculiarità tra il Front National di Marine le Pen e la Lega.

La data scelta non è casuale. Questa iniziativa cade nella settimana del 16 marzo, durante il 12°anniversario della morte di Davide “Dax” Cesare, militante antifascista e dei movimenti di lotta per la casa, assassinato per mano fascista a Milano nel 2003. Dopo tanti anni continuiamo a mantenere viva la memoria del nostro compagno, ma il 16 Marzo non è solo una ricorrenza o una commemorazione, perchè l’uccisione di Davide non è stato un caso isolato, ma è l’emblema della politica dei fascisti che si traduce nel loro agire squadrista.

Studenti Federico II
Laboratorio Politico Iskra

Potrebbero interessarti ...

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1