Header

Anche gli studenti in difesa dell’ospedale

Questa mattina una delegazione di studenti ha partecipato al presidio all’ospedale organizzato dal comitato Curiamo l’ospedale in seguito al mancato permesso di tenere un’assemblea pubblica con il personale medico. Ancora una volta, gli studenti cavesi sono stati presenti per ribadire il loro sdegno verso una classe politica che finge, trovandosi in campagna elettorale, di non sapere del grave problema che attanaglia la sanità cavese. Con il BURC del 5 Febbraio, sono stati rivisti i posti letto da assegnare agli ospedali di Salerno, Mercato San Severino, Cava de’ Tirreni e Costiera Amalfitana e per il Santa Maria Incoronata dell’Olmo sono previsti zero posti letto. Dunque il problema per la nostra cittadina sarà di non avere un presidio ospedaliero in grado di far fronte alle quotidiane esigenze sanitarie di tutti noi. Pertanto, è stato richiesto, come tre anni fa, di attrezzare almeno una piastra d’emergenza (grazie alla quale possono essere stabilizzate le condizioni di un paziente in gravi condizioni, prima che questo sia trasportato a Salerno o a Nocera per migliori cure) e di un’ambulanza di tipo A, che dovrebbe avere un medico a bordo, in grado di salvare i pazienti. Continua la lotta anche per noi studenti che continuiamo a sostenere che la sanità pubblica è un diritto che ci spetta e a cui noi non siamo disposti a rinunciare.

La lotta è dura e non ci fa paura!

 

COLLETTIVO STUDENTESCO CAVESE

Potrebbero interessarti ...

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
1